Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/454

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

NOTIZIE VARIE





Ancora del ripostiglio di Cesena. — Nel fascicolo precedente di questa Rivista (pag. 266) abbiamo dato un brevissimo cenno su di un ripostiglio di monete italiane ed estere scoperte a Cesena. Ora, dietro notizie ricevute posteriormente, siamo in grado di fornirne qualche notizia più diffusa.

Negli ultimi giorni dello scorso aprile a Cesena, alcuni fanciulli, frugando fra le demolizioni di una casa già Stefanelli, ora di proprietà del Municipio, in via Mazzoni, trovarono entro due salvadanai un gruzzolo di monete antiche in oro e argento. Non possiamo indicarne il numero preciso, giacché, come avviene di solito, appena fatto la scoperta, quei fanciulli cedettero tosto una parte di quelle monete a varie persone, che in quel momento si incontrarono a passare di là. Una parte del tesoretto, e cioè 18 monete d’oro e 5 d’argento, poterono essere ricuperate dall’autorità municipale; le altre passarono in varie mani.

Riunendo ora le 23 monete suaccennate, alcune da noi acquistate, ed altre che ci furon proposte, potemmo conoscere circa quaranta monete di quel ripostiglio, e ne diamo qui in seguito un cenno sommario. Le monete sono pressoché tutte italiane e abbracciano l’epoca dal principio del XV al principio del XVI secolo. Vi sono monete rare, e alcune varianti inedite. — Eccole per ordine alfabetico:

Avignone. — Nicolò V (1447-1455). Zecchino (Variante, del n. 3 del Cinagli).

D/ — • NICOLAVS • PP • QVINTVS • Il Pontefice seduto di fronte, mitrato, colla destra alzata in atto di benedire.
R/ — + • SANCTA • ROMANA • (cifra) ECCLESIA. Nel campo incorniciato le chiavi decussate.