Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/577

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
510 atti della società numismatica italiana

F. H. Crowe, ecc., ecc. — Leicester Warren J., The copper coinage of the Achaean league. — Borrell M., Coins of the kings of Cappadocia. — Lee J., Observations on some remarkable large brass roman coins. (Discorso letto alla Soc. Num. di Londra il 22 febbraio 1849). — Catalogue of coins roman and english series in the Museum of the C. Ant. S. — Kerrich Th., Catalogue of roman coins collected by the late Rev. Thomas Kerrich. — Bellermann J., Bemerkungen über die phönizischen und punischen Münzen. — Idem, Einladung zur dritten hundert-jahrigen Jubelfeier des Reformationsfestes, ecc. — Idem, Ueber die Scarabäen-Gemmen nebst Versuchen, ecc. — Genebrier, Geschichte der Regierung Carausii, römischen Kaisers in Grosbritannien aus Münzen erlautert.

La seduta è levata alle ore 11 112.



Seduta del Consiglio 20 Dicembre 1893.


La seduta è aperta alle ore 13.

Sono presenti i Sigg. Conte Comm. Nicolò Papadopoli Presidente, Cav. Francesco Gnecchi e Cav. Ercole Gnecchi Vice-Presidenti, Cav. Giuseppe Gavazzi, March. Carlo Ermes Visconti e Prof. Cav. Costantino Luppi Segretario.


I. La Commissione esaminatrice dei lavori presentati pel Concorso Numismatico indetto dalla Società, presenta la sua Relazione, di cui ecco il riassunto:

" I Lavori presentati pel Concorso furono tre.

" Uno di essi venne ritirato dall’autore, e resta quindi fuori dì discussione.

" Il secondo, portante il motto " Italia „ e dal titolo Le Monete dei Re d’Italia, mentre offre qualche lato lodevole, non è scevro di difetti, fra i quali principalissimo quello di ignorare e non tener conto delle pubblicazioni recenti. Difatti l’Autore non cita affatto l’opera importante del Gariel, quella del Brambilla sulle Monete di Pavia, quella dei Fratelli Gnecchi sulle Monete di Milano, e nessuno dei lavori sulle Monete dei Carolingi e dei Re d’Italia