Pagina:Rivista italiana di numismatica 1894.djvu/520

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
502 francesco malaguzzi valeri

Nè per questo proibir tale battere se ingrassarla più la Cicha de ferrara; perchè questi argenti [che] se bateno qui non ui andarian a dicta Cecha per la incomodità et spesa; essendo per la maggior parte ad uno tracto da più persone poste in cecha che non andariano altrove.


XVII.


[Arch. cit. Registri delle lettere, 1505].


Alfonsus dux Ferrarie.


Dilettissimi nostri, havemo ricevuto la lettera vostra et veduto quanto mi scrivete circa la determinatione nostra che ne la Cecha de quella nostra terra non se batano monete. Chiedendomi vui che vogliamo esser contenti di rivocar tale nostra deliberazione adducendone assai rasone per indurne a ciò; in risposta dela qual lettera vostra dicemo che noi consultatamente se movessimo a fare tale deliberatione et pero non vi potemo compiacere di rivocarla; ma volendo quelle nostre Brigite fare fare delle monete, poterano ridursi qua chel si gli satisfarà in questa nostra cecha.

Ferrarie 11 Aprilis 1505.

Egregiis et prestantibus fidelibus nostris dilectissimis Ancianis Regii.


XVIII.


[Arch. cit., — Provvigioni, 1532, e. 12 v. e seg.].

In Christi nomine amen. Anno circumeisionis eiusdem millesimo quingentesimo trigesimo secundo Indicione quinta die quinto mensis Januarii.

Congregatis in simili in Camera cubiculari Magnifici Domini Nicolaj Marie de Areostis ducalis Massarii Regii et corani prefato

D.no Massario infrascriptis Spectabilibus Dominis electis presidentibus ad curam Ciche, conficiende in civitate Regii, videlicet.

D.no Nicolao de Paciis honorando priore D.num Antianorum

D. Galeoto de Bosiis honorando Syndico generali Magnifice Comunitatis Regii.

D. Bonifacio de Rugieriis

Alexandre de Zobolis

Hieronymo de Cambiatoribus

Marco Antonio de Cataniis, — omnibus ad cicham predictam deputatis ut supra et volentes, et Intendentes in dieta cicha monetas