Pagina:Rivista italiana di numismatica 1895.djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

77

DI ALCUNE MONETE


DELLA ZECCA DI VERONA




Nel volume IV della Nuova raccolta delle monete e zecche d’Italia Guid’Antonio Zanetti pubblicava le dissertazioni del Dionisi sulla zecca di Verona, coll’aggiunta di frequenti note a schiarimento, o rettifica di qualche giudizio espresso dall’erudito veronese.

D’allora in poi poche furono le monete di questa zecca, che sfuggite alle pazienti ricerche di quell’espertissimo numografo, vennero in luce e rese di pubblica ragione. Ricorderò, fra quelle di cui si hanno i disegni, il denaro di Berengario II, ed il quattrino di Antonio della Scala1, il grosso tirolino dell’epoca degli Scaligeri2 ed il grosso per Verona del conte di Virtù3.

A queste ne aggiungerò qui qualche altra, che non mi occorse di vedere per anco pubblicata.

Una fra le più interessanti sembrami quella, di cui dò il disegno al n. 1 della tavola, proveniente dalla collezione numismatica di Mons. Zanella, passata nel 1881 in proprietà del comune di Trento.

  1. Kunz, in Periodico di Numismatica e Sfragistica. Anno II, fasc. II. Firenze, 1869.
  2. Luschin, in Numism. Zeitschrift. Tav. VIII, n. 10. Vienna, 1869.
  3. Gavazzi, in Rivista di Numism. Italiana. Anno V., fasc. I, 1892.