Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/267

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
258 emilio motta
   «Che tutti li scuti, excepto li scuti de Franza et de la ducal Cecha et de Genoa quali sino al presente sono permissi ad spendere, ex nunc se bandisseno, con termine però si possano spendere per mese uno a venire et non oltra, per il pretio limitato in lultima crida.... Et questo si è ordinato, perchè pare che in alchune ceche, et altramente se desfano tutti li boni scuti per fare dessi scuti de stampe forense. Et anche perchè sotto il stampo dessi scuti forensi, se ne trovano infiniti de adulterati et falsi, facti fora de le diete ceche.»
   Conferma del bando alle parpagliole di cui è invasa la piazza, e delle altre monete proibite; e delle penalità contro i «clandestini contratti et ascosti pagamenti et numeratione et expenditione de monete prohibite et anchora del oro per più pretio limitato «nelle gride. Con nuovi capitoli per gl’incaricati a scoprire le frodi e per le multe da adattarsi.
   «Infine che non si «possa far pagamento alchuno de terline et sextini, oltra la summa de libre quattro imperiali per volta sotto la pena de perdere tal pagamento.»

524. — 1534... — Grida monetaria senza data. [Gridario, ad annum].1.

   «Essendo exposto» al duca Francesco II Sforza da parte dei Cremonesi «la grandissima jactura, quale seria in dovere exequire li ordini facti ultimamente cercha al spendere et recevere le valute prohibite per essi ordini per varj et multiplici rispecti allegati»; ed avendo il duca «essa Cità tra le altre afectionatissima, ha ordinato per mancho dispendio dessa cita in modo de provixione che le infrascripte valute, si possano spendere et recevere in epsa città et sua diocisi tanto, quale però non siano rimondate declarando etiam per questa che alchuna persona non possa essere astrecta ad recevere dicte infrascripte monete contra el volere suo:
   «Primo, le lovette facte a Placentia per s. 2. d. 9.
   «Li foghetti da Parma appellati pelegrini s. 3 d. — .
   «Li mezzi julij da Bolognia s. 5 d. —
   «Li julij pappali de ognia sorte, boni s. 10 d. —
   «Le parpayole de Franza s. 2 d. 6.
   «Li ferrarexi et modenexi che si spendevano a s. 18 per soldi 16.

  1. Nel Gridario è classificata fra quella dei 19 giugno e la susseguente dei 29 settembre 1534.