Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/341

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
328 nicolò papadopoli

Uno scritto assai utile per gli studiosi ed i raccoglitori è comparso nell'ultimo fascicolo dell'anno 1895 della Revue suisse de numismatique. In esso il Signor A. Raugé van Gennep ha riunito tutte le varietà conosciute delle monete di Amedeo VIII di un valore inferiore al grosso coi segni monetari ed altri più minuti particolari. Ma da siffatto genere di pubblicazioni non va disgiunto il pericolo che osservandosi molte nuove diversità, in breve il lavoro sia da rifare.

Riporterò alcune modestissime varietà di monete di Amedeo VIII (1391-1439), tre delle quali coniate prima che egli assumesse il titolo di Duca.


3. — Argento, peso grammi 1,81.

D/ — In una corona formata da sei lacci d’amore separati da doppie foglie lo scudo di Savoia inclinato coperto da elmo e cimiero che taglia la corona e la leggenda AMЄDЄVS ❢ DЄIGRACIA ❢ COMЄS in due cerchi perlati.
R/ — Croce di S. Maurizio accantonata da quattro margherite a sei foglie in un doppio contorno formato da quattro semicerchi e quattro angoli alternativamente riuniti ed accompagnati da otto anellini + SABAVDIЄ ❢ INITALIA ❢ MARChIO fra due cerchi perlati.

In questo mezzo grosso del primo tipo, battuto in Avigliana secondo l’ordinanza 23 gennaio 1392, le varie parole della leggenda sono divise da un fiore a cinque petali e da un anellino posti uno sull’altro, mentre invece in quello pubblicato da Ladé1 al n. 53 e riportato al n. 5 da Raugé van Gennep fra sabavdie ed initalia vi è sotto il fiore una riunione di tre palline in forma di trifoglio, che proba-

  1. Ladé, Op. citata, R. S. di N., 1894, p. 163-163, n. 53.