Pagina:Rivista italiana di numismatica 1897.djvu/392

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
378 luigi rizzoli



DOCUMENTO V


mcccclxm, die iii, septembris.


Per la parte prexa i di preteriti in questo conseio, tra le altre cosse fo provisto che tutti, si qui chome altrove dove se spende bagatini, fosseno tegnudi portar tutti quelli i qual havesseno ala zecha et ai luogi da esser deputadi, azò che i boni bagatini fosseno cernidi dai falsi; et necessario sia che essa parte sia reformada; per tanto, l’andera parte.

Che perchè ala cecha nostra se truova bona summa de quatrini cuniadi del cunio nostro, ne i qual sono karati d’argento per marcha, comò è la liga di nostri pizoli, da mo sia presco che per i nostri massari de la cecha sia tolto marche tre di quatrini sopradicti, e quelli sia fondudi in tavole e de quelle sia fatto pizoli copoiudi; i qual pizoli, stampidi che i serano, siano messi in casson e de quelli per algun modo non se possa cambiar, per far ne oro, né arzento, ma solo se debia dar a tuti quelli che porterà pizoli boni cuniadi del nostro cunio, e sia dadi daner per daner. Né altramente possa insir de la cecha nostra. Et per più execution de questa nostra intention, da mo sia prexo che i nostri massari de la cecha non possa cambiar né far cambiar pizoli a oro né ad argento, soto pena de ducati V et privation del officio; e per il simel i soprastanti fondadori o fanti de quel officio, che savesse chel fosse sta cambiado pizoli a oro over argento per i nostri massari, e quelli non accusasse al officio di nostri avogadori de chomum, subito sia cassi del suo officio né mai più possa esser in officio algun de quella cecha.

De le manifature del far di dicti pizoli, sia pagado di pizoli, i qual pizoli che per i maistri de quella cecha i haverà habudo per sua manifatura, quelli fuor de la cecha possi cambiar per oro e per argento chon le condicion infrascripte.

E perchè el non se chunia più de marche III.m quelli sia fondudi in tavole, e quelle sia consignade per pexo, chome se fa a i nostri massari de la cecha del argento, e quelle sia dade fuora a lavorar ala maistranza e lavorade. E perchè