Pagina:Rivista italiana di numismatica 1897.djvu/473

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la zecca di bologna 449

vuoto;, cosichè il Comune nel novembre del 1289 dovette affidare la zecca ai banchieri e ai mercanti.

Quello che è notevole è che una commissione appositamente scelta, suggerì una leggera riforma del sistema monetario, che fu accolta dal Consiglio quasi all’unanimità. I denari grossi si sarebbero coniati, come pel passato, in ragione di 13 e 4 d. per libbra, ma dei piccoli ne sarebbero ricavati 53 per oncia, ossia 53 × 12 = 636 in luogo di 627 per libbra1.

A coniare bolognini grossi e piccoli fu chiamato nel 1291 un tal Giacomino di Carlino maestro in quell’arte (Provvigioni F, c. 152, 153): egli, come risulta da una memoria vista dallo Zanetti, fu della famiglia Truffi ed in origine era stato bandito perchè seguace dei Lambertazzi.

Nel 1295, 21 novembre nuova locazione della officina alla società dei cambiatori per sei anni per coniare bolognini grossi e piccoli2 e l’anno dopo

  1. Provvigioni, lett. H, e. 262, r. 272, r. e v.
  2. 1295, 21 novembre, c. 64, v. Nella locazione della zecca al sindaco della società dei cambiatori è prescritto di coniare " ad suficentiam ita quod habundancia sit in civitate Bononie et districtu de bononinis parvis et medaglolis scilicet quod due medagle valeant unum bononinum parvum bine ad sex annos proximos venturos monetam novam silicei de bononinis grossis et bononinis parvis erri boni argenti ponderis et lighe prout atenus in civitate Bononie fieri consuevit videlicet quod bononini grossi qui fieri debebunt sint et esse debeant ad decem ungias et terciam argenti veneti grossi vel erri boni et duas ungias minus terciam rammi et duodecim unzias bononinorum grossorum tali modo quod forciores minus sint ponderis tredecim soldorum et duorum bononenorum in marcha at flebiores non possint intrare plus quam tredecim soldos et sex denarios bononinorum in marcha ita quod comunales asendant tredecim soldos et quatuor denarios in marcha bon. scampita albos et rotundos. Ita quod bononini parvi qui fieri debebunt debeant fieri et esse ponderis duodecim unciarum bononinorum parvorum et due uncie et dimidij quarterij argenti veneti grossi vel erri boni et novem ungiarum et trium quarteriorum et dimidij rami et quod debeant asendere in uncia quinquaginta trium bononini parvi quod tali modo quod forciores non possint esse minus quinquaginta sex in unzia, ecc. „
        Memoriale di Bonifacio qd. Bonazunta da Savignano II semestre, 1295, e. 64.