Pagina:Rivista italiana di numismatica 1897.djvu/484

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
460 francesco malaguzzi

coniatori Vicizosco (?) e Tommaso Lodovici per una coniazione di L. 5000 in un mandato della Tesoreria (Giornali 1437 1° sem. 27 febb.).

Nel maggio del 1438 altre sorprese nella disgraziata città. Favorito da molti cittadini che preferivano la signoria del Visconti a quella troppo severa del legato, Francesco Piccinino entra in città colle truppe milanesi, saccheggia il palazzo pubblico mal difeso dalle scarse truppe del papa, s’impadronisce del Castello di Galliera e proclama la signoria del Visconti sopra il bolognese1.

A questo tempo appartengono probabilmente alcune monete bolognesi d’argento e di mistura coll’impresa viscontea da un lato.

Le angherie e le violenze raddoppiarono sotto il nuovo governo e a desolare la città si aggiunsero le lotte, fino allora assopite ma non spente, delle fazioni. La parte bentivolesca, numerosissima, pose le sue speranze su Annibale, figlio naturale di Antongaleazzo e che militava allora sotto l’Attendolo: questi venne e s’impadronì della città (1443). Ma i Canetoli, partigiani dei Visconti, insorti a ribellione, pugnalarono Annibale e misero a sacco la città. La vittoria rimase ai bentivoleschi che si elessero a capo Sante Bentivoglio, il quale prese il primato della città a 22 anni (1446). Questi fu uno dei mighori signori di Bologna: acquetò le fazioni e definì la lunga controversia col papato mediante i capitoli approvati da Nicolò V e che fissarono il limite fra il potere pon-

    gine di misser Sam Petronio e de laltra parte le chiave cum larma del prefato santissimo nostro signore misser lo papa tra esse, e valeno e vole el ditto R.mo padre misser lo governadore che se spendano e debiani spendere per zaschuno in la ditta cita, contado e distretto de Bologna per dinari trenta de pizoli overo quindese quatrini de Bologna de moneda de ditti pizoli overo quatrini. Al nome de Dio e de Bologna. „ (Comunale, Uff.° di zecca. Busta 1.a Decreti).

  1. S. Muzzi, Annali della città di Bologna. Bologna, 1842, Vol. IV.