Pagina:Rousseau - Il contratto sociale.pdf/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 161 —


l’una nè l’altra di duelle cose. Primieramente, l’autorità sovrana è semplice ed una, e non si può dividerla senza distraggerla. In secondo luogo, una città come una nazione, non può essere legittimamente suddita di un’altra, perchè l’essenza del corpo politico sta nell’armonia dell’obbidienza e della libertà, e perchè queste parole di suddito e di sovrano sono correlazioni identiche la cui idea si riunisce nella sola parola di cittadino.

Rispondo ancora essere sempre un male l’unire parecchie città in una sola repubblica, e volendo fare questa unione, non doversi mai menar vanto di evitarne i naturali inconvenienti. Non bisogna obiettare l’abuso de’ grandi stati a chi non ne voglia se non di piccoli. Ma come dare ai piccoli stati forza bastante per resistere ai grandi? Come un tempo le città greche resistettero al gran re, e come più recentemente l’Olanda e la Svizzera resistettero alla casa d’Austria.

Tuttavolta, se non si può ridurre lo stato a giusti limiti, rimane ancora un rimedio, ed è di non soffrir capitale, di far sedere