Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1858, I-II.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO QUARTO




SCENA I.

Una stanza nel palagio di Antonio.

Antonio, Ottavio e Lepido seduti ad una tavola.

Ant. (tenendo una lista di proscrizione) Tutti costoro morranno; è statuito.

Ott. Tuo fratello ancora, Lepido, deve morire, se vi acconsenti.

Lep. Muoia; non m’oppongo.

Ott. Notalo, Marcantonio.

Lep. A patto però che Publio non gli sopravviva; i’ dico Publio figliuolo di tua sorella, Antonio.

Ant. Ei non vivrà. Vedi (segnandolo): è con lui già morte. Va, Lepido, al palagio dei Cesari, e togline il testamento di Giulio, perchè ne attenuiamo i troppi lasci.

Lep. Rinverrovvi poscia qui?

Ott. Sì, qui, o al Campidoglio.                         (Lepido esce)

Ant. Costui è un dappoco, atto a recar messaggi, e nulla più. Oh! allorchè si divide in tre parti il mondo, deve un tal uomo farsi innanzi, per succedere al retaggio?

Ott. Se così lo giudicavi, a che carpire il suo voto nel funesto decreto di proscrizione che segnammo testè?

Ant. Ottavio, io ho vissuto più che tu non hai fatto; e so che sebbene carichiamo quest’uomo d’onori, per alleviarne l’odioso fardello che ci gravita sul dosso, ei non farà che portare il suo carico come lo stupido giumento porta l’oro, anelante e affannato sotto il peso, condotto o cacciato per la via in cui vien posto. Allorchè il nostro tesoro sarà giunto in luogo sicuro, caccieremo da noi l’animale che il portò, come inutile e increscioso.

Ott. Farete che più vi piacerà; ma certo è bene che Lepido è un guerriero prode.

Ant. Il mio destriero lo è ugualmente, Ottavio; e per tal merito lo fo ricco di biade. Essere passivo e scevro di volontà, è la mia intelligenza che lo fa muovere, correre, combattere. Non dissimile è Lepido: ingegno sterile, inetto, che agli altrui voleri s’informa, e dalle azioni altrui ha sempre norma e reggimento. Noi nomar quindi, ten prego, che come stromento al nostr’uopo,