Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1858, I-II.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 notizie intorno a shakspeare

Ebbene, il saltimbanco incaricato della parte di Spettro nell’Amleto, era il gran fantasma, l’ombra del medio evo, che sorgeva sul mondo, come l’astro vespertino, nel momento in cui il medio evo finiva di scendere fra i morti; enormi secoli che Dante aperse, che chiuse Shakspeare (1).

Nel compendio storico di Witheloke, contemporaneo dell’autore del Paradiso perduto, si legge: «Un certo cieco, di cognome Milton, segretario del Parlamento per li dispacci latini». Molière, l’istrione, faceva la parte del suo Pourceaugnac, come Shakspeare, il saltimbanco, aveva buffoneggiato ne’ panni del suo Falstaff. Compagno del povero Mondorge, l’autore del Tartuffo aveva cambiato il suo illustre cognome di Poquelin nell’altro oscuro di Molière, per non portare disdoro al padre suo tappezziere.

    Avant qu’un peu de terre obtenu par prière
Pour jamais sous la tombe sût enfermé Molière,
Mille de ses beaux traits, anjourd’hui si vantés,
Furent des sots esprits à nos yeux rebutés.

Così que’ viaggiatori velati, che di tempo in tempo vanno ad assidersi a mense umane, vengono trattati come ospiti volgari; gli uomini ne ignorano la natura immortale sino al momento della loro sparizione. Abbandonando la terra si trasfigurano, e dicono al convitante, come l’inviato del cielo a Tobia: «Io sono uno de’ sette che stiamo presenti al cospetto del Signore».

Queste divinità non conosciute, durante il loro passaggio sulla terra, dagli uomini, fra loro non si sconoscono.

«Abbisognano forse le onorate ossa del mio Shakspeare, dice Milton, di marmi ammonticchiati dal lavoro d’un secolo; o le sue sante reliquie vogliono forse essere coperte da una piramide che tocchi le stelle? Diletto figlio della Memoria, grande erede della Fama, che importa a te un sì debole testimonio del tuo nome? Nella nostra meraviglia, nella nostra ammirazione ti sei eretto tu stesso un

  1. Shakspeare si firmava Shakespeare. La prima ortografia è stata adottata; si trova anche spesse volte Shakspear.