Pagina:Salgari - Al polo australe in velocipede.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xv. - la spedizione polare 141


voglio essere troppo ottimista, e metterò invece dieci giorni.

— Dunque fra venti giorni voi potrete essere di ritorno.

— Lo potrei, ma chi può assicurarlo? Sarà cosa prudente portare con me i viveri sufficienti per quaranta giorni.

— Ma noi? chiese Bisby.

— Voi rimarrete qui coi marinai e ci attenderete. Condurvi tutti al polo è impossibile e poi, chissà quali vicende ci attendono in questo viaggio!... Noi saremo più tranquilli, pensando che alla costa abbiamo dei compagni, che vi è una casa per ripararsi e che vi sono dei viveri.

— Eppure sarei venuto volentieri anch’io al polo, Wilkye!....

— Non vi mancheranno le distrazioni qui, Bisby. Fra qualche settimana comincerà lo sgelo, la selvaggina si mostrerà su queste coste e potrete cacciare ed intraprendere delle esplorazioni per vostro conto.

— Andrò a fare una passeggiata fino alla Terra Alessandra.

— Un po’ più lontano e andrete al polo, disse Wilkye, ridendo.

— Una spiegazione, signore, disse un marinaio.

— Parlate.

— Se vi toccasse una disgrazia e non vi si vedesse ritornare dopo i quaranta giorni, cosa dovremmo fare noi?

— Organizzerete una spedizione di soccorso e tenterete di raggiungerci fin dove lo permetteranno le vostre forze.

— E se non vi troviamo? È necessario prevedere tutto.

— Avete ragione, disse Wilkye. Allora ritornerete alla costa, ci attenderete fino alla fine dell’estate, poi vi imbarcherete o sulla nostra scialuppa o sulla Stella Polare, se sarà tornata, e raggiungerete l’America.

— Ma voi? chiese Bisby, impallidendo.