Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Un marinaio si affrettò ad ubbidire, ma poco dopo ricompariva sul ponte dicendo che il quadro era deserto.

Il capitano, meravigliato, non sapeva che cosa dire di quella strana sparizione.

– Cercatelo a prora, nella stiva, dappertutto – disse.

I marinai rinnovarono le ricerche e come ben si può immaginare, senza alcun risultato.

– È incredibile! – esclamò Parry. – Dove diavolo può essersi nascosto.

– In mare! – disse una voce lugubre e roca.

Un brivido di terrore corse fra l’equipaggio.

Il capitano bianco come un cencio lavato, mandò un’orribile imprecazione.

Quasi nel medesimo istante si udirono parecchie esclamazioni.

– È lui! – gridarono alcuni marinai.

– È il secondo! – dicevano altri.

– Il disgraziato si è annegato!

Parry afferrò con vivacità un cannocchiale e guardò il cadavere che le onde trastullavano.

– È il signor Walker!

– Che sia caduto in mare? – chiesero alcuni marinai.

– O che sia stato assassinato? – gridò Parry, volgendo all’intorno uno sguardo terribile.

– È un mistero! – mormorarono alcuni.

– Questa nave è infestata dagli spettri che parlano e che...

– Silenzio! – comandò Parry. – Se è morto, tanto peggio per lui.

Nominò al posto del defunto il terzo ufficiale, un bravo danese che aveva già dato tante prove di valore e di abilità marinaresca, poi scese nella sua cabina assai preoccupato.

Tutto il giorno, non ostante le proibizioni del capitano, i marinai, ancora impressionati della misteriosa morte del secondo, e da quella voce che di quando in quando si faceva udire, discussero vivamente su quei due gravi fatti.

I più superstiziosi dicevano che la nave era stregata e che i fantasmi della nave avevano scelto la Garonna per loro soggiorno favorito. I più coraggiosi invece dicevano che bisognava prendere misure energiche e si doveva cercare di scoprire gli autori di quei pessimi tiri.

I soli Banes e Bonga ridevano a crepapelle.

Dopo otto giorni di navigazione piuttosto burrascosa, la nave giungeva finalmente in vista del forte.

Il capitano fece sparare un colpo di cannone per avvertire il presidio del suo ritorno. I marinai rimasti nel forte risposero con due