Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


piena fiducia nei dayaki, però dieci rimanevano sempre nella grande capanna onde vegliare sugli attrezzi occorrenti ai lavori.

Il secondo ogni sera pregava il capitano di richiamarli a bordo, ma questi, che aveva una gran fiducia nel capo indigeno, e che temeva di fargli un affronto prendendo tali precauzioni, si era sempre fermamente rifiutato di accettare il prudente consiglio.

Finalmente il 25 luglio i lavori furono terminati, però il capitano non fece subito spiegare le vele, volendo fare un’ampia provvista di legname per costruire delle trincee al forte.

L’indomani ottanta marinai si recavano a terra abbattendo numerose piante, mentre altri le caricavano, stivandole per bene.

Prima di sera la provvista era stata già ultimata, essendo però rimasti a terra numerosi attrezzi, il capitano non volle ritirare i dieci uomini di guardia, non ostante le esortazioni del secondo.

La notte era oscura, nuvolosa e un forte vento spirava a tratti irregolari. Delle grosse gocce di pioggia cadevano di tratto in tratto, mentre il mare cominciava a muggire sordamente.

Il capitano, fatta gettare un’àncora anche a poppa della nave, andò a dormire, rassicurato dalla quiete che regnava nell’interno della piccola rada.

Verso la mezzanotte, quando l’oscurità era diventata più profonda, il vento cominciò a fischiare fortemente, sibilando fra le corde e le attrezzature con dei suoni bizzarri e striduli.

Alle una, mentre i marinai di guardia stavano rinforzando alcuni cavi, furono sorpresi da una scarica di fucili che veniva dalla parte della foresta. L’allarme fu subito dato. Il capitano ed i marinai che erano di riposo, in meno di un minuto si trovarono tutti in coperta.

– Che cosa avete udito? – chiese Parry agli uomini di guardia.

– Abbiamo udito una scarica verso la costa – rispose un gabbiere. – Temiamo che i dayaki sgozzino i nostri.

– Se laggiù si combatte udremo altre scariche.

A bordo regnarono alcuni istanti di silenzio. Tutto pareva tranquillo verso la foresta, e non si udivano che il vento e il mare a muggire.

D’un tratto alcune grida risuonarono in distanza. Il capitano mandò un grido di furore, mentre l’equipaggio correva ad armarsi.

– I dayaki attaccano i nostri – disse il secondo. – Udite capitano?

Si udirono allora delle grida frenetiche unite a parecchie detonazioni. Una lotta feroce, micidiale, doveva succedere a terra.

– Capitano, i nostri camerati vengono assassinati! – gridarono i marinai, affollandosi attorno a lui.

– Volete sbarcare con questa oscurità? – disse il secondo.