Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 e. salgari

Senza dubbio il suo proprietario aveva guadagnato il bosco o si era nascosto su qualche albero.

— Aspettate, — disse un marinaio. — Vedo lassù, seminascosta, fra le foglie, una massa nera. Che sia il nostro uomo?

— È il negro! — gridò un gabbiere, e puntando il fucile fece fuoco.

Si udì uno schianto fra i rami, ma con grande meraviglia di tutti, il negro non cadde e non fu visto.

— È ancora lassù! — gridarono i negri di Pembo.

— È nascosto fra i rami, — gridò un marinaio.

Una diecina di fucili tolsero di mira il negro che cercava salire sui rami superiori, dieci spari risuonarono, ed il disgraziato cadde in mezzo ai marinai.

Aveva ricevuto quattro palle nel petto.

— Maledizione! — esclamò il secondo. — Tanta fatica per uno schiavo solo!

E diede il segnale della fermata.


Capitolo III.

LA TRIBÙ NEGRA

Accesi i fuochi e cenato, i marinai dopo poche parole si avvolsero nelle loro coperte, addormentandosi tranquillamente.

Non erano trascorse ancora due ore, quando furono destati dal grido d’allarme delle sentinelle e dalle urla di spavento dei negri di Pembo.

In un baleno tutti furono in piedi, col fucile nelle mani, domandandosi cosa stava per succedere.

— Cosa significa questo baccano? — domandò il secondo, avvicinandosi agli uomini di guardia.

— I leoni, — risposero le sentinelle.

— Vedo che i fuochi sono accesi.

— È vero, — rispose una sentinella, — ma i leoni formicolano in bande numerose, e hanno cercato penetrare nel campo, varcando i fuochi. Guardateli! Ronzano attorno a noi.

Infatti parecchi leoni, gettando dei ruggiti formidabili, balzavano per la pianura, avvicinandosi all’accampamento.

I negri, spaventati, urlavano a piena gola e correvano attorno ai fuochi, impugnando le loro lunghe zagaglie.

Anche i marinai, non avvezzi a quei formidabili concerti, si erano aggruppati attorno all’albero che sorgeva al centro del campo, ed erano in preda ad un certo panico, temendo che i leoni li attaccassero e che facessero una vera strage.

Due leoni di grossezza enorme, colla criniera nera, si avanzarono