Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


In quel momento il secondo, armato di due pistole, si avvicinò al capitano, togliendolo di mira.

Solilach trasse rapidamente una pistola e fece partire il colpo, ma la palla mal diretta si perdé altrove. Il secondo puntò le due pistole e con voce beffarda gridò:

– Guardati!

Tosto si udirono due detonazioni, seguìte da un grido di dolore. Il capitano, colpito da due palle al cuore, vacillò, poi cadde fulminato sul corpo del disgraziato ufficiale.

– Arrenditi – gridarono alcuni al marinaio col superstite.

– No – urlò Fuego furibondo.

– Muori adunque – gridarono i ribelli, scagliandosi su di lui.

Fuego, addossatosi all’albero, per alcuni istanti si difese ferocemente e visto il secondo che armava una pistola, gli si scagliò addosso colla speranza di ucciderlo. Colpito nella schiena da due colpi di scure, cadde sulle ginocchia.

– Arrenditi – gridarono i marinai furibondi.

– Viva il capitano! – gridò Fuego, e stramazzò al suolo esalando l’ultimo sospiro.

– Evviva il secondo! – gridarono i ribelli, slanciandosi a poppa, ove erano i barili di rhum...

Una torcia sola, impiantata presso l’albero di maestra, rischiarava i tre cadaveri.


12.

IL PIRATA


La notte era oscura e minacciosa; dense nubi nere coprivano il cielo, mentre dei lampi lividi e tremolanti brillavano sull’orizzonte. Nessun vento spirava, ma tutto indicava l’avvicinarsi di una procella.

Mentre i sordi muggiti dell’oceano, raddoppiavan l’orrore della notte, a bordo della Garonna regnava la più pazza allegria.

Una quarantina di torce, legate lungo i bastingaggi, rischiaravano la tolda del barck, mentre i marinai, seduti alla rinfusa attorno a una decina di barilotti di rhum e di arak, bevevano sfrenatamente, per festeggiare la vittoria e fors’anche per calmare i rimorsi del delitto commesso.

Nessuno più aveva osato avvicinarsi all’albero maestro, alla cui base giacevano ancora i cadaveri del disgraziato comandante e dei suoi due valorosi compagni. Perfino il secondo erasi rifugiato sul cassero e assieme a cinque o sei suoi compatrioti, beveva a garganelle come se cercasse di stordirsi e di dimenticare l’accaduto.