Pagina:Salgari - I naviganti della Meloria.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Lo sapremo più tardi.

– Voi avete una qualche grave preoccupazione.

– È vero, Vincenzo.

– Dite su; volete tenermi sulle spine?

– Abbiate un po' di pazienza. Saliamo, Vincenzo.

Lasciarono il quadro portando con loro le due preziose secchie e raggiunsero i compagni. Erano appena saliti in coperta, quando Michele mosse loro incontro, dicendo con una certa emozione:

– Signor Bandi, ho osservato una cosa molto strana.

– Quale?

– Che la nave si è molto alzata verso la vôlta.

– Che si sia alleggerita da sé? – disse padron Vincenzo. – Noi non abbiamo gettato alcun carico nel canale.

– Eppure guardate, padrone – disse Roberto. – La nave quasi tocca la vôlta, mentre prima la punta del castello distava almeno un paio di metri.

– Vediamo – disse il dottore.

Prese la corda incatramata e si curvò sulla murata, guardando l'acqua ed il tribordo sulla galera.

– Quello che temevo è avvenuto – disse poi, con emozione.

– Volete dire? – chiese padron Vincenzo che lo guardava fisso.

– Che non è la nave che si è alzata per alleggerimento del suo carico.

– Lo credo.

– Si è però innalzata l'acqua.

– Mille pescicani!... Voi dite?...

– Che fra poco le murate della nave toccheranno la vôlta.

– Come spiegate questo aumento d'acqua?...

– In un modo solo.

– Ossia?...

– Una qualche frana, prodotta dall'ultima scossa di terremoto, deve essere caduta, otturando il canale.

– Dottore!... Volete spaventarci?... – chiese padron Vincenzo che era diventato pallidissimo.

– Vorrei invece incoraggiarvi.

– Allora noi siamo prigionieri!...

– Lo temo, miei poveri compagni.

– La frana deve essere avvenuta verso lo sbocco del canale.

– Sì, Vincenzo. L'onda che s'è precipitata su di noi, veniva da ponente.

– Cosa accadrà ora di noi? E stavamo per trionfare!

– Non disperiamo ancora, Vincenzo – disse il dottore. – Una frana, forse enorme, deve essere caduta, però qualche passaggio può esistere. E poi non credo che l'acqua monti tanto da affogarci. Uno sbocco, sia pure piccolo, deve esistere anche dalla parte dell'Adriatico, ve lo ricordate?

– Sì, dottore.