Pagina:Salgari - I naviganti della Meloria.djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


aveva risposto il giovanotto.

– Credo che quel maledetto mangiatore d'uomini ne abbia abbastanza. Signor Bandi!

– Vincenzo! – rispose la voce lontana.

– Lo squalo ha avuto il suo conto.

– Siete salvi!

– Sì, dottore.

– Alla scialuppa!

– Subito, signor Bandi.

I due pescatori certi ormai non venire più disturbati, si erano messi a nuotare vigorosamente, ansiosi di giungere alla scialuppa. Ormai poco si fidavano di quelle acque, poiché come era salito, seguendo il tunnel, quel pescecane, altri potevano averlo imitato.

Cinque minuti dopo i due pescatori abbordavano l'imbarcazione. Pareva che nulla avesse sofferto dall'ondata che l'aveva strappata alla spiaggia; solamente le casse ed i barili si erano spostati accumulandosi verso prora.

Michele e padron Vincenzo salirono a bordo con molte precauzioni onde non rovesciarla o guastare il tessuto e presi i remi si diressero verso la piccola cala.

Il dottore segnalava l'approdo accendendo dei cerini.

Quando sbarcarono, il signor Bandi abbracciò entrambi, dicendo con voce commossa:

– A voi dobbiamo la nostra salvezza.