Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Cyrillo e l'ufficiale avevano avuto appena il tempo di sfuggire nel quadro e di barricare la porta, abbandonando i pezzi d'artiglieria.

Da quattordici ore si trovavano strettamente assediati, senza viveri e con poche munizioni, aspettando ansiosamente l'arrivo del capo selvaggio e dei suoi guerrieri.

– Giacché non possiamo ormai più contare su alcun aiuto arrendiamoci – disse Cyrillo. – Che ne dite, signor Vargas?...

– Che la resa s'impone – rispose l'ufficiale. – Anche riuscendo a vincere, noi non potremmo, da soli, disincagliare la nostra nave.

– Né ripararla – aggiunse Sao-King.

– Manterranno le loro promesse, quei birbanti? – chiese Cyrillo.

– Hanno interesse a tenerci a bordo, – disse Sao-King, – perché non vi è fra loro alcuno che possa dirigere la nave.

– Se potessimo ingannarli! – disse l'ufficiale.

– In quale modo?

– Dirigendo invece la nave in qualche porto australiano e farli prendere dalle autorità inglesi.

– Ci massacrerebbero prima di giungere a terra – rispose Sao-King. – Sono uomini capaci di tutto. Che viaggio con simili canaglie!

– Alla prima occasione li pianteremo, signor Vargas. Per ora arrendiamoci, poi si vedrà.

Era passata circa un'ora e si udivano i pirati ad impazientirsi. Bestemmiavano, percuotevano la tolda coi calci dei fucili e gettavano in aria le casse.

– Andiamo – disse Cyrillo, rassegnato. – Non irritiamo quelle tigri marine.

Rimossero la barricata, aprirono la porta e uscirono sul ponte inermi.

Il capo dei pirati s'era fatto innanzi, tenendo il moschetto spianato.

– La resa o la morte? – chiese con voce minacciosa.

– Vedete che siamo senz'armi – disse l'argentino.

– Accettate le condizioni?

– Ci pieghiamo dinanzi alla forza. Manterrete le vostre promesse?

– L'ho giurato.

– Vedremo quale conto dovremo fare dei vostri giuramenti.

– Strong è un pirata, ma è anche leale. In fondo al mio cuore è rimasto ancora qualche cosa di buono. Siete voi il comandante?

– Sì – rispose Vargas.

– Darete gli ordini necessari per disincagliare, prima di tutto, la nave. Domani i selvaggi di Mua saranno qui e non si sa quello che può succedere.