Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Avrò forse torto, ma è precisamente come voi dite – rispose Strong.

– Vi dimostrerò il contrario guidando l'Alcione al vostro rifugio.

– Non vi chiedo di più.

– Vi siete però dimenticata una cosa – disse l'argentino.

– E quale?

– Di dirmi precisamente dove devo guidare la nave. Il golfo di Carpentaria è vasto.

– Conoscete lo stretto di Torres?

– Sì, l'ho attraversato più di cinque volte.

– E le isole del Principe di Galles?

– Anche.

– È a quella di Mera che noi dobbiamo andare.

– È la maggiore del gruppo, mi pare? – disse l'argentino.

– Sì – rispose Strong.

– E poi ci lascerete andare?

– Lo spero.

– Lo sperate! – esclamò Vargas, aggrottando la fronte.

– Il comandante non sono io, mio caro signore. Il nostro capitano è morto nel naufragio, però ve n'è un altro e spetterà a lui decidere sulla vostra sorte.

– Voi giuocate partita doppia! – gridò l'argentino, irritato.

– Oh! Non inquietatevi, mio caro signore – disse Strong. – Il luogotenente Karpellea non è così cattivo come si crede e ritengo che sarà ben lieto di sbarazzarsi di voi.

– Vi sono molti modi per liberarsi dalle persone che possono creare degli imbarazzi ed uno dei più sicuri è quello di appiccarle.

– Non andate tanto innanzi, signor mio. Voi avrete salva la vita, ve lo prometto.

– Vedo come sapete mantenere le vostre promesse!

– Eh! Finitela! Non vale la pena di guastarci il sangue per simili inezie.

– Siete un briccone! – gridò l'argentino furioso.

– Un briccone degno della corda – aggiunse Cyrillo, che aveva assistito al diverbio.

– Adagio colle lingue – gridò il bandito. – Dei selvaggi ve ne sono anche qui e non meno amanti della carne bianca di quelli di Vavau. Silenzio! Finitela!

L'argentino stava per slanciarsi sul miserabile; Cyrillo lo trattenne, trascinandolo via.

– Non commettete imprudenze, Vargas – gli disse.

– È necessario liberarci da queste canaglie – rispose l'argentino. – Si sono scoperti troppo presto.

– Non siamo ancora giunti nello stretto di Torres.