Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


6.

COMBATTIMENTO TERRIBILE

Con un accordo mirabile i cinesi, seguendo forse un piano già prestabilito, invece di spingersi innanzi e affrontare quelle terribili pallottole che continuavano a correre da babordo a tribordo con un tintinnìo metallico che faceva venire i brividi, s'erano precipitosamente ritirati verso il cassero.

In un baleno tutta la mobilia della cabina, i barili delle provviste, la riserva degli attrezzi, i rotoli di gomene, erano stati gettati dinanzi al cassero in modo da formare una barricata ed il cannone, che il capitano Carvadho aveva rovesciato, era stato ricollocato a posto e messo in batteria.

I cinesi avevano agito con tanta rapidità che la barricata era già stata eretta prima ancora che il capitano avesse dato il comando di aprire il fuoco.

– Ah! Birbanti! – urlò. – Sono più furbi di quello che credevo! Vogliono battaglia? Ebbene l'avranno! Fuoco su tutta la linea! Spazzatemi la coperta da quei cani gialli!

Il comando era stato appena dato che un nembo di mitraglia attraversava la coperta della nave scrosciando sulla barricata e uccidendo o storpiando una dozzina di cinesi.

Il pezzo aveva fatto fuoco e per la seconda volta il sangue aveva bagnato abbondantemente la nave.

Un immenso urlo di rabbia si era alzato fra i cinesi, subito represso dalla voce tuonante di Sao-King.

– Sdraiatevi sul cassero! – aveva gridato il capo dei coolies. – Chi non ha armi mi segua nel frapponte!

– Cosa vuol fare quel briccone? – si domandò il capitano Carvadho, che aveva udito quei comandi.

– Temo che ci darà molto da fare – disse il bosmano. – Sao-King ci giuocherà qualche brutto tiro.

– Finché le pallottole danzano, i cinesi non giungeranno sino a noi, Francisco.

– Possono decimarci, signore. Hanno posto in batteria il cannone e nel quadro hanno trovato dei fucili.

– Ne vedo pochi armati.

– Se ne serviranno egualmente.

– Ed il commissario, è morto? – chiese il capitano, cambiando discorso. – Se fosse vivo potrebbe cercare di calmare i ribelli. Sao-King lo protegge. Va' a vedere, mentre io cercherò intanto snidare i cinesi del cassero. Ohe! Fuoco e non risparmiate la polvere!