Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 emilio salgari

datteri selvaggi e di euforbie. Il luogo pareva deserto, quindi non vi era da temere alcuna sorpresa, tanto più che il villaggio era ormai lontano una quindicina di miglia.

Gettata l’àncora, andò a fermarsi fra i rami di una euforbia.

— Potete scendere — disse il tedesco, mentre Heggia lanciava la scala.

Il monarca, che era già stato sciolto dalle corde, si alzò traballando.

— Questo viaggio era così delizioso che lo avrei continuato fino al Kassongo — disse.

— Non sei più in collera con noi? — chiese El-Kabir, ridendo.

— No — rispose il sultano.

— Sai ritornare al tuo villaggio?

— Conosco il paese.

— Ti restituiremo la tua scimitarra e ti daremo un paio di bottiglie che berrai strada facendo.

— E le mie pistole.

— Sono armi troppo pericolose in tua mano — disse Ottone.

— Non si sa mai! In un momento di cattivo umore potresti scaricarcele addosso.

— Avete torto a dubitare di me.

— Te le daremo al nostro ritorno.

— Ripasserete?

— Te lo promettiamo.

Il sultano, che pareva non conservasse alcun rancore per quella burla, prese la scimitarra e le due bottiglie e scese la scala seguito da Sokol, il quale era stato incaricato di liberare l’àncora.

I due europei e l’arabo, curvi sul parapetto, li seguivano con lo sguardo.

Quando furono a terra, il sultano fece con la mano un saluto agli aeronauti, poi fece alcuni passi.

D’improvviso fu veduto retrocedere, sfoderare la scimitarra, troncare con un solo colpo la corda dell’àncora, e quindi scagliarsi sul negro che gli volgeva le spalle.