Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IX

L’assalto degli scimpanzè

Il bestione era proprio morto.

Sette palle non avevano prodotto che delle ferite insignificanti, essendo state arrestate dall’enorme strato di grasso che avvolge sempre quei corpacci; altre due invece gli erano entrate nell’orbita destra, ledendogli il cervello.

I due cacciatori, scesi sul banco, erano rimasti stupiti nel vedere quell’enorme massa di carne, bastevole a nutrire più di trecento uomini. Vi giravano intorno, guardando con meraviglia i lunghi denti (di cui uno si era spezzato in seguito alla caduta) e la bocca enorme che poteva contenere un uomo piegato in due.

— Che cosa ne faremo di tanta carne? — si domandò il greco. — È un vero peccato lasciarla qui ad imputridire.

— Mi hanno detto che è molto buona — disse il tedesco.

— Quanto quella del bue più grasso — rispose il greco. — Ha anche un po’ il sapore di quella dei maiali.

— Ne faremo una scorpacciata.

— E ne porteremo anche con noi per la colazione di domani.

— Sokol, all’opera.

Il negro, invece di obbedire, guardava l’acqua senza pensare a far uso della scure.

— Cosa cerchi? — domandò l’arabo.

— Fuggite! — gridò Sokol slanciandosi verso l’isolotto.

I due europei, senza sapere di che cosa si trattasse, l’avevano seguito, mancando a loro il tempo di attaccarsi alla scala di corda che si trovava dall’altra parte dell’ippopotamo.

Un momento dopo due musi lunghi, appuntiti, d’un colore verdastro‐scuro, emergevano dall’acqua in vicinanza dell’ippo-