Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8 emilio salgari


— E benemeriti della scienza, Ottone, giacchè il nostro viaggio non sarà puramente di piacere.

— Silenzio, entriamo in porto.

— E che nessuno conosca il nostro segreto — disse il greco.

La nave entrava nella vasta baia di Zanzibar, fischiando sonoramente; salutò il forte con una cannonata e andò a gettare l’àncora in mezzo a parecchie navi di varie nazionalità, e tra una folla di barche arabe e zanzibaresi legate alla riva.

Alcuni negri di statura atletica e molto turbolenti, su numerose barchette e parecchie zattere, si erano affrettati a circondare il piccolo vapore, offrendosi di trasportare a terra i passeggeri ed i loro bagagli.

Andavano a gara per accostarsi alla scaletta, di già abbassata, disputandosi accanitamente il posto e scambiandosi pugni e scappellotti in così grande abbondanza da far ridere il greco.

— Possiamo scendere a terra? — domandò il tedesco.

— Abbiamo libera pratica — rispose Matteo. — Qui non sono così fiscali come i capitani dei porti europei.

— Hai avvertito il capitano di far portare a terra le nostre casse?

— Questa sera saranno nella mia casetta di campagna.

— Si trova in un luogo isolato?

— Sì, Ottone — rispose il greco. — Tu potrai gonfiare tranquillamente il tuo dirigibile, senza che nessuno ci disturbi.

— Allora scendiamo.

Strinsero la mano ad alcuni passeggeri che si trovavano presso di loro e scesero in una barca guidata da un negro di statura colossale, il quale era riuscito, a furia di pugni, a conquistare il primo posto sotto la scala.

— Conosci l’arabo El-Kabir? — gli chiese il greco, il quale parlava correttamente lo zanzibarese oltre parecchi dialetti africani.

— Tiene il suo fondaco presso la punta di Kamiki, dietro il serraglio del Sultano.

— Conducimi da lui.

Il negro raccolse i remi, s’aprì il passo fra le numerose barche