Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
248 emilio salgari


La rupe era pure stata spezzata e l’entrata della galleria era bella e sgombra.

— Tu, Matteo, rimarrai qui con Heggia e preparerai i cilindri — disse Ottone. — Noi intanto andremo incontro ai negri.

Accesero due lanterne e si cacciarono nella galleria, mentre il negro e il greco scoprivano la parte inferiore dell’immenso fuso e attaccavano le maniche di gomma ai due ultimi cilindri contenenti l’idrogeno compresso.

L’inglese e Ottone percorsero rapidamente la galleria e nella prima caverna incontrarono i negri guidati dall’arabo.

Quei bravi africani avevano mantenuta fedelmente la parola, ed erano rimasti nascosti nella boscaglia in attesa degli uomini bianchi.

Ridiscesi poi per l’apertura, avevano ricaricato l’oro e lo portavano ora ai loro padroni.

— Affrettatevi — disse l’inglese. — Forse fra poco avremo da fare coi negri di Kilemba e con gli uomini di Altarik.

— Che l’arabo sia già stato avvertito? — chiese Ottone.

— Lo suppongo — rispose l’inglese.

— Giungeranno troppo tardi. Il gonfiamento dei palloni non richiederà molto tempo.

Quantunque i negri fossero eccessivamente caricati, in meno di quindici minuti percorsero tutta la caverna e vennero a depositare i loro carichi nella piattaforma.

— Si vede nulla verso Kilemba? — chiese Ottone a Matteo.

— Sì, vedo una lunga striscia nera che si svolge nella pianura — rispose il greco.

— Vengono ad assalirci?

— Certo.

— Eppure mi pare impossibile che l’arabo abbia potuto entrare in città in così breve tempo.

— Si saranno accorti della scomparsa del pallone — disse l’inglese. — Da Kilemba si può scorgere benissimo il Germania, non essendo ancora tramontata la luna.