Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 emilio salgari


— Un vero treno volante.

— Sono ansioso di vederlo.

— A quest’ora tutte le casse devono essere già state trasportate a casa tua.

— E quanti uomini potrà portare? — chiese l’arabo.

— Anche venti, cinquanta, cento — disse il tedesco. — Però non ne porterà che cinque: noi e due servi.

— Condurrò con me Heggia e Sokol.

— Chi è questo Sokol? — chiese Matteo.

— Un negro dell’Uniamesi, che conosce benissimo il paese che dovremo attraversare, e che parla tutti i dialetti dell’Uganda.

— Fidato?

— Lo credo — rispose l’arabo.

— Ottone — disse il greco, alzandosi, — vieni a casa mia.

— Quando verrete a prendermi? — chiese l’arabo.

— Domani notte, fra l’una e le due.

— Col pallone?

— Ci fermeremo sopra la vostra terrazza — disse il tedesco.

— Non avrete da far altro che salire per una scala di corda.

— Pallone meraviglioso! E le armi ed i viveri? Devo prepararli?

— Non vi occupate di nulla — disse il tedesco. — Tutt’al più ponete in due casse di cinquanta chilogrammi ciascuna degli oggetti di scambio e dei regali da farsi ai Sultani africani.

— Se me lo permetterete, ne porterò qauttro delle casse. Vi metterò dentro tutto ciò che è più apprezzato da quei tirannelli.

— Duecento chilogrammi non mi danno alcun fastidio — rispose il tedesco. — A domani notte.

— Sarò sulla terrazza con le casse e coi miei servi — disse l’arabo.

Vuotarono alcune tazze di vino bianco che l’arabo aveva avuto la cortesia di far recare, quantunque egli, da mussulmano convinto, non ne bevesse; poi si strinsero la mano.

— Volete che vi faccia scortare da Heggia? — domandò l’arabo.