Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 emilio salgari

vano fatto ritorno verso il treno aereo, mettendosi a guardia della scala.

— Cosa ne dici di questa manovra sospetta? — chiese il tedesco. — Io non ho molta fiducia di questa gente quantunque il capo sia amico di El-Kabir.

— Avrei preferito che anche quei cavalieri ci avessero seguiti — rispose il greco.

— Che questi negri vogliano privarci del nostro treno?

— Non c’è da fidarsi di questa gente.

— Mi pento di aver seguito i consigli di El-Kabir.

— Vi è però una cosa che mi rassicura.

— Quale?

— Che questi negri hanno paura del nostro Germania, ostinandosi a crederlo un uccello vorace.

— Potrebbero prenderlo a fucilate e rovinarci i palloni — disse il tedesco, le cui inquietudini aumentavano.

— Secondo l’accoglienza che ci farà il sultano, sapremo se dovremo temere o rassicurarci.

Mentre si scambiavano questi timori, El-Kabir discuteva animatamente col capo della scorta, sforzandosi a spiegargli in che cosa consisteva quel mostro e lo scopo del viaggio, guardandosi però dal parlargli del tesoro.

— Lo facciamo per semplice spirito di umanità — diceva. — I miei amici si sono fitti in capo di andare a liberare il povero viaggiatore e lo faranno.

— Io lo avrei lasciato fra i negri di Kassongo — rispondeva il capo. — L’inglese doveva restarsene a casa sua.

— Eppure non siamo soli ad andare in cerca di lui.

— Come! Vi sono degli altri mostri in viaggio?

— No, Ben-Zuf. Si tratta di una carovana guidata da un arabo che tu conosci e che deve aver lasciata la costa il mese scorso.

— Comandata da chi?

— Dall’arabo Altarik.

— È passata da qui tre settimane or sono.