Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il treno volante 95


Giunti sotto il Germania, il quale ondeggiava leggermente sotto la spinta del vento, tendendo la corda dell’àncora in modo quasi da spezzarla, il sultano ed i tre aeronauti scesero da cavallo, mentre la scorta si disponeva all’intorno, tenendo in pugno i moschetti e le lance.

— Non avrete paura a salire questa scala di corda? — chiese il tedesco al sultano.

— No — rispose questi risolutamente.

— Quando saremo lassù, darai ordine ai tuoi uomini di staccare l’àncora che si è fissata fra i rami.

— Io vorrei però condurre con me anche Ben-Zuf.

— È impossibile — rispose prontamente il tedesco. — Il mio uccello non può portare più di sei persone.

— Manda giù qualcuno dei negri.

— Mi sono necessari per manovrare le macchine del mio pallone.

— Non potrebbe surrogarli Ben-Zuf?

— Non conosce le manovre.

— È vero — rispose il sultano.

Ordinò a due guerrieri di arrampicarsi sul sicomoro per staccare l’àncora, poi salì coraggiosamente la scala di corda senza dimostrare alcuna apprensione. L’arabo e i due europei l’avevano subito seguito, giungendo felicemente sulla piattaforma.

— Guardate quanta terra abbraccia lo sguardo — disse il tedesco conducendo il sultano a prora.

— Meraviglioso! — esclamò il monarca. — Partiamo, andiamo più in alto, fino a vedere l’Usagara e l’Ugogo. Ah, questi bianchi! Che stregoni!

— Matteo — disse Ottone, — preparati a gettare un quintale di zavorra.

— Basterà per portarci fuori dalle scariche?

— Sì — rispose Ottone. — Il gas è straordinariamente dilatato.

— Lasciate l’àncora! — gridò il sultano ai negri che s’erano