Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
96 emilio salgari

già arrampicati sul sicomoro — Vado a vedere i guerrieri del Niungu.

L’àncora fu liberata e il Germania si alzò maestosamente fra le grida di stupore della scorta.

— Giù la zavorra! — gridò Ottone.

Heggia e Sokol presero un sacco contenente un quintale di sabbia e lo precipitarono sulle teste dei cavalieri, mentre il Germania, con un salto improvviso, s’innalzava di quattrocento metri.

Il sultano vedendo sparire i suoi cavalieri, i quali rimpicciolivano rapidissimamente, s’era voltato verso i due europei. Aveva perduta tutta la sua sicurezza e li guardava con diffidenza e anche un po’ con terrore.

— Andiamo a vedere l’Ugogo — disse Ottone con meraviglioso sangue freddo.

Poi estraendo rapidamente una rivoltella e puntandola sul petto del monarca, gli disse con voce minacciosa:

— Làsciati ora legare senza opporre resistenza o ti faccio gettare dal pallone.

Il sultano, preso da un terrore folle, si era lasciato cadere su una cassa, dicendo con voce piagnucolosa:

— Mi avete tradito... uccidetemi. Altarik mi aveva detto che voi eravate gli alleati dei Ruga-Ruga.

— Noi non vogliamo farti alcun male — rispose Ottone, mentre Heggia e Sokol legavano per bene il disgraziato monarca e gli levavano le due pistole e la scimitarra. — Ti faremo fare un piccolo viaggio, poi ti metteremo a terra.

«Fra tre ore potrai dormire nel tuo tembè e rivedere i tuoi ministri e le tue mogli.

— Non mi consegnerete ai Ruga-Ruga?

— Altarik ha mentito. Noi non siamo gli amici del Niungu, anzi, non abbiamo mai veduto quel ladrone. Andiamo a liberare l’inglese e null’altro.

— E nemmeno mi ucciderete?

— Ti ho detto che fra poco ti metteremo a terra. Sta’ tranquillo e nulla ti verrà fatto di male.