Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Ah! Diavolo! Dormivo così bene!

– In questi paesi bisogna essere sempre pronti a fuggire. La tranquillità qui non è mai esistita.

– Dobbiamo andarcene?

– No – rispose il castigliano.

Alvaro lo guardò con stupore.

– Allora perché mi avete svegliato?

– Per cercare un asilo più sicuro.

– Senza fuggire?

– Non vi è bisogno. Io ho sovente ingannati gl'indiani che mi davano la caccia per mettermi allo spiedo o alla graticola, facendo appena pochi passi. Guardate, vi è qui quest'albero che ci servirà a meraviglia e che imbroglierà maledettamente gl'indiani i quali si romperanno invano la testa per cercare le nostre tracce. Svegliate il mozzo e non perdiamo il tempo.

Garcia, udendoli a parlare, erasi già alzato. Informato rapidamente del pericolo che li minacciava, il bravo ragazzo si limitò a dire:

– Bah! Abbiamo gli archibugi e sapremo bene accogliere quei mangiatori di carne umana.

– E gli avanzi del fuoco? – chiese ad un tratto Alvaro, mentre si disponevano a dare la scalata all'enorme summaneira.

– Lasciate le ceneri e anche i tizzoni – rispose Diaz. – Anzi serviranno ad imbrogliare maggiormente i selvaggi.

Vi erano delle liane, delle sipos che pendevano dalla pianta e che potevano servire a meraviglia per salire sull'albero, il cui tronco, troppo enorme, non si poteva abbracciare.

I due portoghesi ed il castigliano ne approfittarono per raggiungere i rami della pianta, poi le tagliarono per impedire ai selvaggi di servirsene, ma si guardarono bene dal lasciarle cadere al suolo onde non tradire la loro presenza.

– Vedrete che non verranno a cercarci quassù – disse il marinaio di Solis. – Pare impossibile, eppure i selvaggi, allorquando sono inseguiti, non hanno mai pensato a cercare un rifugio sugli alberi.

Salirono più in alto, dove i rami erano più grossi e la vegetazione più folta e attesero, con una inquietudine facile a supporsi, l'arrivo di quella truppa che marciava attraverso la foresta.

Fossero eimuri, tupy od altri selvaggi, il pericolo era eguale,