Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


a che potessero servire quelle pallottole.

– Il pane per la colazione – rispose il marinaio, sorridendo. – Le carnahuba sono piante preziose e se avessimo del tempo potrei anche darvi dei biscotti. Non potendo noi fermarci qui, per ora mi accontento della gomma che queste piante trasudano e che costituisce un eccellente commestibile.

– Io sarei passato mille volte dinanzi a questi alberi senza immaginarmi che mi avrebbero potuto dare del cibo.

– Avete mai udito a parlare delle piante sagù?

– Di quelle che contengono, racchiusa nel tronco, una fecola buonissima che serve a fare una specie di pane?

– Sì, signor Viana. E queste carnahuba al pari di quelle preziose piante che crescono nelle isole dell'Oceano Indiano, contengono pure una farina simile e non meno nutritiva.

– Sicché qui si potrebbe fare a meno del frumento?

– Che d'altronde crescerebbe enormemente senza dare chicchi – disse Diaz. – Ma oltre la gomma e la fecola dà altre cose la carnahuba.

– Delle vesti forse?

– Delle candele signore.