Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


che riescano a porre fuori di combattimento anche i giaguari che sono i loro più mortali nemici e anche i coguari, o che almeno li costringano a rinunciare all'assalto. Contro un uomo, anche se armato di una semplice mazza, nulla possono. Potete gettarvi in ispalla l'archibugio. Non vi sarà necessario.

– E dove va ora quella bestia?

– In cerca d'un formicaio. Oh! Non andrà molto lontano! Le termiti abbondano nelle foreste brasiliane. Ah! Guardate! Il tamanduà rallenta la marcia e fiuta l'aria. Sente la vicinanza del pranzo.

– E noi lo lasceremo pranzare?

– Aspetteremo che demolisca la cittadella delle termiti. Ehi, Garcia! Se tu tornassi al nostro accampamento intanto, a prepararci del pane? Hai veduto come si fabbrica e poi sorveglierai nel frattempo anche il fiume.

– Vado a fare il panettiere – rispose il mozzo. – La mia presenza qui è inutile.

Mentre il bravo ragazzo si allontanava, il tamanduà continuava ad avanzarsi con una certa precauzione verso un gruppo d'alberi sotto i quali si scorgevano parecchi coni di terra biancastra, alti poco più d'un metro e situati, un po' a casaccio, gli uni accanto agli altri.

– Il formicaio! – esclamò Diaz che pel primo li aveva scorti.

– Ah! Sono là dentro le formiche? – disse Alvaro. – Non farà troppa fatica a demolirlo, il nostro animale.

– Quei coni sono duri come la pietra, signore – rispose il castigliano. – Senza un buon piccone non si sventrano.

– Pare impossibile che delle formiche possano costruire simili cittadelle.

– Dei formiconi signori e della specie più terribile. Gli abitatori di quel formicaio devono essere dei tanajura, ne sono certo.

– Assai grossi?

– Sono lunghi un pollice ed un quarto.

– Quasi quattro centimetri! Altro che le nostre formiche d'Europa.

– E come pungono o meglio come mordono e come sono voraci di carne umana! Che sorprendano un uomo addormentato e quel disgraziato se non si alza subito è perduto.