Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Mancava qualche ora al tramonto del sole, quando finalmente scorsero, attraverso i tronchi degli alberi ed i cespugli, una superficie luccicante.

– Una savana sommersa! – esclamò allegramente il marinaio. – Ecco una vera fortuna! Signor Viana, noi potremo finalmente riposarci e anche cacciare.

Affrettarono il passo e giunsero poco dopo sulle rive d'una vasta palude, dalle acque nere ed ingombre di piante palustri e di minuscoli isolotti che altro non dovevano essere se non banchi melmosi coperti di erbacce grasse.

Ad una grande distanza si scorgeva la foresta che si stendeva sulla riva opposta.

– Che cosa contate di fare ora? – chiese Alvaro al marinaio, il quale osservava attentamente gli isolotti che emergevano in gran numero.

– Rifugiarci su una di quelle terre e attendere colà che gli eimuri si siano allontanati – rispose Diaz.

– E chi ci condurrà? Non vedo alcuna barca io.

– Una zattera si costruisce presto. Non è ciò che mi preoccupa. Dubito della solidità di quegli isolotti. Temo che non abbiano consistenza e vorrei accertarmene presto. Costruiamo per ora una piccola zattera, capace di sostenermi e lasciate che vada ad esplorare la palude. Il sole sta per tramontare e gli eimuri si saranno anche essi arrestati e prima di domani non giungeranno qui.

– Temete che non possiamo trovare un palmo di terra solida? – chiese Alvaro.

– È un po' difficile scoprirne nelle savane sommerse. Ve ne sono molti però degli isolotti e non dispero. Se tardassi a tornare, non inquietatevi per me. Dormite tranquilli senza preoccupazioni. Conosco le savane e i jacaré non mi fanno paura.

– Vi daremo uno dei nostri fucili e munizioni sufficienti – disse Alvaro.

– Grazie, non rifiuto un'arma da fuoco.

Approfittando del brevissimo crepuscolo, tagliarono un certo numero di grossi rami ed un paio di giovani alberi e servendosi delle liane costruirono alla meglio un galleggiante, sufficiente a sostenere un uomo.

Prima però d'imbarcarsi, il marinaio, che era veramente instancabile,