Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Numerosi uccelli, vedendo quegli uomini a sbarcare, si erano alzati fra i canneti della riva e fra le piante, fuggendo in tutte le direzioni.

Non erano solamente acquatici. Vi erano, frammisti fra i beccaccini e le gallinelle dei bei mahitaco dalla testa turchina, degli arà tutti rossi, dei canindé somiglianti ai kakatua australiani e degli aracari quei piccoli tucani che non sono più grossi d'uno dei nostri merli e che pure hanno il becco che ha quasi le dimensioni dell'intero corpo di quegli strani volatili.

– Questo è un vero paradiso! – esclamò Alvaro, che era entusiasmato di quell'isolotto. – Voi, mio caro Diaz, potrete completare tranquillamente la vostra guarigione.

– Se i caheti non verranno a disturbarci – rispose il marinaio.

– Sono l'Uomo di fuoco, e farò tremare anche quei selvaggi, come ho fatto impallidire i ferocissimi eimuri.

– È vero: abbiamo i fucili e riusciremo a respingerli se verranno ad assalirci. Badiamo però che non ci sorprendano.

– Veglieremo – disse Alvaro. – Ehi, Garcia se tu accendessi il fuoco e fabbricassimo le pentole?

– E la selvaggina da far cuocere, signore? – chiese il mozzo.

– Dannato paese! Si deve pensare sempre al ventre!

– Non abbiamo ancora fatto colazione, signore!

– Me ne accorgo da certi brontolìi dei miei intestini. Accendi il fuoco mentre io mi proverò a fabbricare un vaso. Non sono mai stato un pentolaio, ma qualche cosa otterremo.

– Se quel maledetto giaguaro non mi avesse ridotto in questo stato, vi mostrerei io come fanno gl'indiani – disse Diaz.

– Ne farete altre più tardi – rispose Alvaro. – Anche in un catino si può cuocere un pezzo di selvaggina e noi non siamo persone da badare alle forme più o meno perfette.

Il mozzo aveva già raccolta della legna secca ed aveva improvvisato un fornello con due pezzi d'arenaria trovati in mezzo agli acajù. Affastellò le scorze dell'albero delle stoviglie e dopo non pochi tentativi vi diede fuoco.

Alvaro il quale pensava che anche avendo la pentola mancava lo stufato, aveva preso il proprio fucile per cercare di abbattere qualche arà o meglio ancora uno di quei tatù che il marinaio asseriva d'aver già veduti, quantunque non sapesse affatto che razza di animali potessero essere, non avendo mai, prima di allora, udito a parlarne.