Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


farmi trangugiare radici dolci. Non so come le mie budelle non siano scoppiate.

– Povero Garcia – disse Alvaro che non poté trattenere un sorriso. – Ti trattavano come un'oca di Strasburgo! Non mi pare però che tu abbia fatto notevoli progressi.

– Se avessi continuato qualche mese sarei diventato una botte, signore.

– Ah!

– Che cosa avete signore?

– E come stiamo di viveri?

– Ci sarà ancora qualche tubero avanzato dalla cena o qualche galletta di manioca.

– Ben poca cosa – disse Alvaro che era diventato pensieroso. – Come potremo resistere fino all'arrivo dei tupinambi con qualche galletta?

– Vi sono invece parecchi vasi porosi che filtrano acqua nelle catinelle.

– Bah! Non disperiamo – disse Alvaro. – Ne faremo a meno.