Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/299

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


alcuni minuti, fra un frastuono impossibile a descriversi, poiché i selvaggi per eccitarsi non cessavano di urlare e di percuotere le une contro le altre le mazze; poi alcuni guerrieri, i più valenti della tribù, si staccarono dal grosso dirigendosi verso la porta del carbet.

– Signor Alvaro – disse il mozzo che cominciava a perdere un po' della sua sicurezza. – Vanno a sfondare i vasi che barricano la porta.

– La vedremo – rispose il signor Viana, alzandosi.

Un capo precedeva il drappello, facendo eseguire alla sua mazza dei mulinelli vertiginosi.

– Voglio provare a spaccargliela fra le mani – mormorò Alvaro. – Se vi riesco si persuaderanno che nulla resiste al fuoco di Caramurà.

Si inginocchiò appoggiando il gomito sinistro sulla gamba e mirò con profonda attenzione.

Il capo aveva cessato di far roteare la mazza e la teneva ritta e ben alta, come fosse una bandiera.

Uno sparo rintronò e l'arma, spezzata a metà, cadde sulla testa del selvaggio che si piegò sotto l'urto.

È impossibile a descrivere l'effetto prodotto da quel colpo che avrebbe sorpreso anche i più destri bersaglieri d'Europa.

Le grida erano cessate istantaneamente, come se uno spavento indicibile avesse paralizzate tutte quelle gole.

Poi lo stupore si tramutò in terrore. I selvaggi, con un insieme sorprendente avevano voltato i dorsi fuggendo a tutte gambe attraverso le viuzze del villaggio, chi rifugiandosi nei carbet, chi nascondendosi dietro la cinta dove già si erano raccolte le donne ed i fanciulli.

Il capo si era invece lasciato cadere al suolo come se la palla dell'Uomo di fuoco lo avesse colpito insieme alla mazza.

– Che sia morto di paura o che l'abbia veramente ucciso? – disse Alvaro che rideva a crepapelle, vedendo i selvaggi a fuggire come lepri.

– Ma no, signore, vedo che agita le gambe – rispose Garcia che si era spinto fino all'orlo del tetto.

Ed infatti l'indiano non pareva che fosse morto, perché continuava a muovere le braccia e le mani.

Ad un tratto fu veduto balzare in piedi e precipitarsi come un fulmine dentro il carbet più vicino senza osare raccogliere i pezzi della sua mazza.