Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


di rami e che si potevano, anche senza troppo fatica, far rotolare e spingere verso il carbet.

Dietro a quelle barricate mobili si erano già nascosti numerosi guerrieri armati di archi e di gravatane, pronti a saettare gli assediati.

– È un assedio in piena regola – disse Alvaro, che si era ritirato precipitosamente verso il buco che serviva da finestra alla capanna, onde evitare quelle pericolose frecce. – Mio caro Garcia saremo costretti a sloggiare se quei tronchi d'alberi verranno spinti attraverso la piazza. Non credevo che questi selvaggi fossero così astuti.

– Che finiscano per prenderci, signore? – chiese il mozzo con qualche apprensione.

– Potremo opporre una lunga resistenza dentro il carbet. Se sarà necessario apriremo delle feritoie e non faremo risparmio di munizioni. Ne siamo già ben provvisti. Cala i viveri intanto.

– Oh! Il bel tacchino, signore!

– Se non sarà precisamente un tacchino, non avendone io mai veduti in queste foreste, l'uccello è ben grosso e ne avremo per un paio di giorni.

– Sgombrate anche voi?

– No, anzi faremo prima alcune scariche per far capire agli assedianti che abbiamo ora due archibugi invece d'uno. Ciò produrrà un certo effetto su quei cannibali.

I tupy, che parevano decisi a farla finita coi due europei, avevano cominciato a far rotolare i tronchi, cercando di tenersi ben nascosti per non esporsi ai colpi d'archibugio d'Alvaro.

– Sali, Garcia! – gridò il signor Viana che cominciava a diventare inquieto. – Non lasciamoli avvicinarsi fino alle pareti del carbet.

Il mozzo che aveva già messe in salvo le provviste, saliva precipitosamente.

– Un colpo a destra ed un colpo a sinistra – disse Alvaro. – Cerca di far scoppiare qualche testa, se lo puoi.

I selvaggi, quantunque non fossero ancora giunti a buona portata, avevano già cominciato a scagliare delle frecce servendosi di preferenza dei loro archi e qualcuna era già giunta fino al carbet, piantandosi nelle pareti.