Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/305

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Ma che cosa fanno quei selvaggi? Mi sembra impossibile che non approfittino di questa oscurità per tentare qualche cosa. Questa calma non mi rassicura.

– Eppure, signore, non vedo alcuna ombra umana aggirarsi per la piazza e non odo alcun rumore.

– Nondimeno non lasciamoci cogliere dal sonno; anzi raddoppiamo la vigilanza. Toh! Non hai udito questo colpo sordo? Si direbbe che è caduto qualche albero.

– Avranno chiusa la porta di qualche carbet o della cinta.

– Hum! Ti dico che i selvaggi non dormono.

– Abbiamo due archibugi, signore.

– E li faremo tuonare, Garcia – disse Alvaro. – Tu veglia da quella parte, mentre io sorveglio la piazza da questa. Al primo allarme fa' fuoco, senza attendere il mio comando. Non tiri già troppo male.

Scesero i due versanti opposti del tetto, accostandosi ai margini per meglio dominare la piazza e attesero pazientemente l'alba.

I tupy dovevano essere occupati in qualche operazione misteriosa.

Di quando in quando agli orecchi degli assediati giungevano dei colpi sordi come se dei tronchi d'albero venissero rotolati per la piazza e si udivano anche dei bisbigli sommessi, come se venissero impartiti degli ordini a bassa voce.

Qualche volta delle ombre umane attraversavano velocemente l'aldèe senza produrre alcun rumore e scomparivano dietro i carbet che sorgevano intorno alla piazza.

Alvaro si sforzava invano di comprendere quale lavoro stavano eseguendo gli assediati. L'oscurità e anche la pioggia che non aveva cessato di cadere, gl'impedivano di discernere ciò che accadeva alle estremità della piazza.

– Che si preparino a stringere il blocco? – si domandava. – Sapremo resistere egualmente e tener duro fino all'arrivo di Diaz.

Finalmente le tenebre si diradarono e anche i goccioloni cessarono di cadere.

I suoi timori si erano avverati.

I tupy per non esporsi al fuoco degli assediati, fuoco che temevano così immensamente, durante la notte avevano circondata la piazza con grossi tronchi d'albero, perfettamente rotondi e privi