Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/313

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Ad un tratto un punto luminoso attraversò velocemente la piazza e cadde sul tetto.

Alvaro era balzato in piedi mandando un grido d'angoscia.

– Siamo perduti!

Aveva capito il pianto infernale dei tupy.

Quei terribili antropofaghi, disperando ormai di riuscire ad impadronirsi dei due europei vivi, si preparavano a bruciarli dentro la loro fortezza come belve feroci.

Rinunciavano all'arrosto, forse lungamente sospirato, pur di vendicare la morte del loro capo.

– Garcia! – gridò Alvaro. – Non cessare il fuoco e preparati a seguirmi quando te ne darò il segnale.

– Signore – balbettò il povero ragazzo. – Ci arrostiranno.

– Sì, col fuoco vogliono vincere l'Uomo di fuoco – rispose Alvaro con ira. – Ebbene daremo battaglia e resisteremo finché avremo una palla e un granello di polvere.

Le frecce incendiarie, che erano munite verso la punta d'un batuffolo di cotone impregnato di resina, giungevano da tutte le parti piantandosi nel tetto e contro le pareti.

Gli strati di foglie cominciavano a fumare, essendo ancora un po' umidi ma già qualche fiammella serpeggiava sull'orlo del tetto.

Alvaro e Garcia sparavano all'impazzata ora a destra, ora a sinistra, ora dinanzi ed ora di dietro.

Le loro detonazioni si confondevano colle urla furibonde dei selvaggi.

Gli spari si succedevano agli spari, ma con ben poco successo, perché dalla parte degli assedianti regnava oscurità completa.

Non si vedevano che le frecce partire senza riuscire a scorgere gli arcieri che si tenevano ben nascosti dietro ai tronchi degli alberi.

Il fumo già avvolgeva i due portoghesi e le fiamme continuavano a divorare l'orlo del tetto, spargendo all'intorno una luce sinistra.

L'Uomo di fuoco, ritto sul culmine del carbet continuava a sparare, sordo alle preghiere di Garcia il quale lo consigliava di abbandonare quel punto pericoloso, ormai battuto dalle frecce incendiarie.

– Prendete! – urlava, in preda ad una viva esaltazione, ogni volta che scaricava l'archibugio. – Ecco la risposta di Caramurà! Venite a prendermi se l'osate!