Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Sarà un po' difficile a cacciarsi lì dentro – disse Alvaro. – Non ho mai veduto una simile boscaglia.

– Eppure siamo ancora troppo vicini alla costa per fermarci qui – disse il mozzo. – Facciamo come le scimmie, signore, se non vi spiace. Così almeno non lasceremo tracce visibili se gl'indiani vorranno inseguirci.

– Il tuo consiglio è buono, ragazzo. Imitiamo dunque i quadrumani.

Vedendo che a terra non potevano sperare d'avanzarsi, s'aggrapparono ai festoni delle liane e cominciarono bravamente la loro marcia aerea quantunque non poco imbarazzati dalle munizioni e dalle armi.

Passando fra un ramo e l'altro e scivolando fra le innumerevoli maglie delle liane, avevano guadagnato un centinaio di metri, quando un improvviso baccano li arrestò.

Delle urla orribili e acutissime si erano improvvisamente alzate in mezzo alla foresta, rompendo bruscamente il silenzio che vi regnava poco prima.

Pareva che si scannassero delle persone o che si sottoponessero a delle torture atroci, giacché quegli esseri mandavano tali lamenti da far rabbrividire.

– Signore! – esclamò il mozzo che si era fermato a cavalcioni d'un ramo. – Si massacra qualcuno!

– Qualcuno! Mi pare che si sgozzino o che si martirizzino parecchie persone.

– Che vi sia qualche tribù di indiani in questa foresta?

– È quello che sospetto, Garcia.

– Occupati forse a torturare dei prigionieri prima di metterli sulla graticola?

– Ma... ora cantano quei prigionieri! – esclamò Alvaro che ascoltava attentamente.

Le urla lamentevoli erano improvvisamente cessate e si udiva invece un salmodiare strano come se in quella foresta si fossero radunati un paio di dozzine di frati.

Alvaro guardò il mozzo.

– Cantano o m'inganno io?

– Si direbbe, signore, che gl'indiani stanno pregando.

– E questo rumore, che cos'è?

Anche quei borbottamenti erano cessati e si udivano dei colpi sonori come se una turba di spaccalegna fosse occupata a spezzare