Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– La cosa è grave – disse.

– Che l'abbiano rubata?

– Non lo credo. La riva è fangosa in questo luogo e se degli uomini fossero sbarcati avrebbero lasciate le loro impronte. Io credo che sia affondata.

– Ed infatti signore, faceva acqua.

– Abbiamo commesso una grave imprudenza Garcia – disse Alvaro. – Invece di legarla a queste canne dovevamo tirarla in secco.

– Come faremo ora a lasciare questo isolotto e attraversare la palude? La riva più prossima si trova a non meno di tre miglia da noi.

– Siamo prigionieri, ragazzo mio.

– Se tentassimo la traversata a nuoto? Tre miglia non mi fanno paura – disse il mozzo.

– Ed a me neanche cinque, ma io non oserò mai tuffarmi in queste acque che sono popolate da caimani e da serpenti giganteschi.

– È vero signore, mi dimenticavo che vi sono anche qui i mangiatori d'uomini. Eppure non possiamo rimanere qui per sempre. Non abbiamo né viveri né acqua bevibile.

Alvaro non rispose, guardava i pochi alberi che crescevano sull'isolotto, chiedendosi se sarebbero stati bastanti per costruire almeno una zattera sufficiente a portarli fino alla sponda più prossima.

Erano cinque o sei alberetti, alti una mezza dozzina di metri, dal fusto piuttosto esile coperto da una corteccia molto bruna. Vi erano anche numerosi cespugli e molte liane, ma i primi a ben poco avrebbero potuto servire.

– Proviamo – disse al mozzo, indicandoglieli.

– Volete costruire una zattera, è vero signore?

– Se avremo materiale sufficiente – rispose Alvaro.

– Basterà che ce ne sia tanto da fare lo scheletro. Per la piattaforma utilizzeremo le canne.

– Ecco un'idea che non mi era venuta, Garcia – disse Alvaro. – Dammi la scure e andiamo a distruggere la nostra piccola foresta.

Impugnò l'ascia e assalì vigorosamente la pianta più alta, ma al primo colpo che vibrò il filo della scure si guastò senza avere potuto nemmeno intaccare la corteccia.