Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Le testuggini dell'Orenoco 123

il dorso di quell'orribile rospo era coperto di piccole cellette in ognuna delle quali stava nascosto un rospicino.

– Oh che cosa strana! – esclamò.

– È una particolarità dei pipa! – disse il dottore. – Gli altri rospi depongono le loro uova in acqua, formando dei piccoli cordoncini; questi pipa invece li collocano sul dorso delle femmine in quelle cellette che tu vedi e vi rimangono finché possono procurarsi il cibo da loro. È una cosa assai curiosa, ma verissima, come ben vedi.

– Lo vedo, dottore.

– Ma questi rospi hanno anche un'altra particolarità, cioè son privi della lingua.

– Ciò non impedisce che siano ben brutti, dottore.

– Lo credo. Lasciamo che il pipa si diverta coi suoi piccini e noi andiamo a schiacciare un sonnellino in attesa della brezza. È appena mezzodì e abbiamo del tempo per giungere al Suapure.