Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
150 la città dell'oro

— Non dico di no, ma non sarà facile trovarci in questa immensa foresta. Oh!... Diavolo!... La situazione minaccia di complicarsi!

— Cosa c’è di nuovo?

— C’è che siamo presi fra due pericoli, uno più spietato dell’altro. A basso i pecari ed in alto le mosche-cartone.

— Non vi comprendo, dottore.

— Guarda lassù, su quel ramo. Non vedi nulla?

— Sì, vedo un grande nido di vespe che sembra... toh!... Si direbbe fabbricato precisamente di cartone.

— Ebbene non è un nido di vespe, precisamente, ma di grosse mosche più tremende delle vespe, poichè basta una puntura per far morire una scimmia e per rendere un uomo quasi pazzo.

— Che brutta prospettiva! Temete che ci assalgano?

— Non so cosa dirti, ma ne vedo già alcune volare proprio sulle nostre teste. Temono che noi andiamo a distruggere il loro nido. Ah! Se ci fossero qui alcuni macachi, non mi darebbero più inquietudine quei tremendi insetti.

— E perchè dei macachi?

— Quelle scimmie sonno voracissime delle mosche-cartone ed in poco tempo le distruggono.

— Ma non muoiono sotto le punture?