Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Fra i pecari e le mosche-cartone 151

— Sì, ma sono molto furbe e non si lasciano pungere. Aspettano che le mosche si siano tutte ritirate, poi con una delle loro dita callose chiudono l’unico foro esistente nel nido. Le mosche, non vedendo più il buco libero, cercano di forzare l’ostacolo, ma allora il macaco prende quelle che si presentano una ad una, ma a mezzo ventre per evitare il pungiglione e le mangia con un’avidità senza pari. Guai però se ne lascia fuggire una, poichè una sola puntura basta per farlo morire.

— E le chiamano scimmie macache!... Io le chiamerei scimmie furbe — disse Alonzo. — Oh!... Cosa sta per succedere?

— Cosa vedi?

— Mi pare che i pecari siano spaventati.

— Che un pericolo nuovo e più grave ci minacci?... L’avventura comincia a diventare seccante.