Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XI.

Una emigrazione di formiche fiamminghe

Il giovane cacciatore non si era ingannato. I pecari che si erano accoccolati intorno all'albero, dopo d'essersi accertati dell'inutilità dei loro assalti, erano improvvisamente balzati in piedi, emettendo dei sordi grugniti. Parevano inquieti, poiché andavano e venivano sul margine dell'immensa foresta e pareva che ascoltassero con profonda attenzione. Senza dubbio qualche cosa di grave avveniva sotto le cupe vôlte degli alberi giganti e sotto l'ombra delle immense foglie.

– Che i nostri compagni s'avvicinino – disse Alonzo.

Il dottore scosse il capo.

– Hai udito nessun sparo? – chiese.

– Nessuno, dottore.