Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/248

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XVII.

L'agguato degl'indiani

Nei giorni seguenti i viaggiatori continuarono ad inoltrarsi nell'Orenoco, passando successivamente dinanzi alle foci del Toma – salendo la cui corrente si va a Mauro, luogo ove un tempo i gesuiti avevano fondato fiorenti missioni – e del Taparro, entrambi affluenti di sinistra.

Il quinto giorno da che avevano lasciata la cascata di Ature, giungevano dinanzi a quella di Maipuri, chiamata anche di Quituma.

Anche questa è di poca altezza ed è formata da una specie di arcipelago di isolette e di rupi d'aspetto maestoso che si estendono per oltre un miglio, facendo argine all'impeto della corrente, specialmente al di là della grande rupe di Manimi.