Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
254 la città dell'oro

— Ed i nemici vegliano!... Che brutta prospettiva!... — esclamò il dottore.

— Vedi nessuno, Alonzo? — chiese il piantatore.

— No, cugino.

— Pure la freccia è partita da quell’isolotto e l’uomo che si è nascosto fra i cespugli bisognerà che si mostri, se vuole guadagnare la sponda.

— Aspetterà la notte per attraversare il canale — disse il dottore.

— Non comprendo una cosa, Raffaele — disse Alonzo, il quale, pur chiacchierando, sorvegliava l’isolotto. — Mi stupisce come quegli indiani, che noi sappiamo armati di fucile, non se ne servano per abbatterci.

— È un mistero anche per me, Alonzo.

— Come non comprendo perchè lancino le loro frecce solamente contro Yaruri e risparmino noi.

— Ecco un’altra cosa che nemmeno io so spiegare.

— Che non osino assalire noi?...

— Tutti questi indiani, in generale, odiano gli uomini di razza bianca e non esitano quando si tratta di ucciderne qualcuno. Avranno i loro motivi per non prendersela con noi.

— Comunque sia, siamo imprigionati — disse il dottore. — Non so cosa ci accadrà fra ventiquattro o