Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/267

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XVIII.

L'assalto dei caimani

Sulle onde che si rovesciavano furiosamente giù dalla cateratta, si vedevano scendere, urtandosi gli uni cogli altri, parecchi tronchi d’albero, i quali filavano lungo il canale che i viaggiatori avevano tentato di risalire.

Erano stati lanciati dagl’indiani per frantumare, coll’urto di quelle masse, l’albero della scialuppa, o la corrente li aveva sradicati da qualche isola o da qualche sponda sommersa? Comunque sia, Yaruri aveva gridato “ecco la nostra salvezza,„ e quell’uomo astuto doveva avere le sue buone ragioni per aver dette quelle parole.

— Attenzione — diss’egli, impugnando la scure e recidendo, con pochi colpi, due paterazzi. — Se ci la-