Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La leggenda dell'Eldorado' 21

due occhi vivaci ed intelligenti e giovane ancora, poichè non poteva avere più di trent’anni, li attendeva.

Era l’intendente della piantagione, un bravo meticcio, o mammalucco, come chiamano laggiù gli uomini derivanti da un incrocio di negri e d’indiani, persone fedeli, coraggiose e soprattutto intelligentissime.

— Buona sera, padrone — diss’egli levandosi cortesemente il largo cappello di paglia in forma di fungo. — Cominciavo ad inquietarmi e stavo per radunare alcuni negri per venire in vostro soccorso.

— Abbiamo ucciso il giaguaro, Hara, — disse don Raffaele, — o meglio è stato ucciso da quest’indiano con un buon colpo di wanaya.

— Non ho mai veduto quest’uomo, padrone.

— Lo credo Hara. Viene molto da lontano. Dov’è Velasco?

— Sta visitando un negro che è gravemente ammalato.

— Cos’ha?

— Le febbri palustri, padrone.

— Velasco è un bravo medico e saprà guarirlo.

— Devo avvertirlo del vostro ritorno?

— E senza indugio. Ho da comunicargli delle cose importanti. È pronta la cena?